top of page

Termini e condizioni generali della meccatronica per le transazioni imprenditoriali

1. Validità

1.1. Le presenti condizioni generali (di seguito CGC) sono fondamentalmente concepite per i negozi giuridici tra società. Se, eccezionalmente, vengono utilizzate anche come base per negozi giuridici con i consumatori ai sensi della legge sulla protezione dei consumatori, si applicano solo nella misura in cui non contraddicono disposizioni imperative.

1.2. Le presenti CGC si applicano a tutti i negozi giuridici e ai rapporti giuridici tra il cliente e il contraente, non solo per il primo negozio giuridico, ma l'applicazione delle CG è espressamente concordata anche per tutti gli ordini aggiuntivi e successivi nonché per ulteriori transazioni.

1.3. L'acquisto o altri termini e condizioni del cliente non sono validi e sono espressamente contraddetti. Il contraente dichiara espressamente di voler stipulare un contratto solo sulla base dei suoi termini e condizioni generali. Se, in via eccezionale, l'applicazione delle condizioni generali del cliente è concordata per iscritto, le loro disposizioni si applicano solo nella misura in cui non sono in contrasto con le presenti condizioni generali. Le disposizioni delle CGC che non sono in conflitto rimarranno in vigore.

1.4. Il cliente dichiara di aver avuto la possibilità di prendere atto del contenuto dei termini e delle condizioni prima della conclusione del contratto e di essere d'accordo con il loro contenuto.

1.5. Le modifiche e le integrazioni alle presenti Condizioni Generali devono essere apportate per iscritto per essere giuridicamente efficaci. Anche questo requisito della forma scritta può essere derogato solo per iscritto. Si precisa che non esistono accordi collaterali.

2. Offerte, conclusione del contratto

2.1. Le offerte del contraente sono soggette a modifiche e non vincolanti.

2.2. Il contraente accetta offerte o ordini dal cliente mediante una conferma d'ordine scritta o consegnando l'oggetto dell'acquisto o fornendo il servizio.

2.3. Le informazioni sui servizi e sui prodotti dell'appaltatore riportate in cataloghi, listini prezzi, opuscoli, materiale informativo aziendale, prospetti, inserzioni su stand fieristici, in circolari, invii pubblicitari o altri mezzi di comunicazione non sono vincolanti, a meno che non siano espressamente dichiarate per iscritto far parte del contenuto del contratto.

2.4. In linea di principio, i preventivi dei costi dell'appaltatore sono preparati senza garanzia di completezza e correttezza.

3. Termini di consegna/esecuzione

3.1. I termini di consegna/esecuzione non sono vincolanti a meno che non siano stati espressamente concordati per iscritto come tali nella conferma d'ordine o nel singolo contratto.

3.2. Se, per qualsiasi motivo, l'ordine viene modificato o integrato dopo che l'ordine è stato effettuato, il periodo di consegna/servizio è prorogato di un periodo di tempo ragionevole.

3.3. Salvo diverso accordo, il periodo di consegna decorre al più tardi dalle seguenti date:

a) Data di conferma d'ordine

b) Data di adempimento di tutti gli adempimenti tecnici, commerciali e di altra natura a carico del cliente

c) Data in cui il contraente riceve un deposito concordato o un deposito cauzionale.

3.4. Se l'appaltatore non è in grado di adempiere ai propri obblighi a causa del verificarsi di circostanze fortuite o non imputabili all'appaltatore, quali interruzioni operative, misure e interventi sovrani, difficoltà di approvvigionamento energetico, guasto di un fornitore difficilmente sostituibile, sciopero, ostruzione delle vie di circolazione, ritardi nello sdoganamento o maggiori impedimenti violenti, il termine di consegna/prestazione è prorogato in misura ragionevole. È irrilevante se queste circostanze si verificano con l'appaltatore stesso o con uno dei suoi fornitori o subappaltatori.

3.5. Se l'adempimento del contratto diventa impossibile per motivi non imputabili al contraente, il contraente è liberato dai suoi obblighi contrattuali.

3.6. L'appaltatore ha il diritto di eseguire e addebitare consegne parziali o anticipate. Se è stata pattuita la consegna su chiamata, la prestazione/l'oggetto dell'acquisto si considera richiamato entro e non oltre sei mesi dall'effettuazione dell'ordine.

4. Commissioni/Prezzi

4.1. Se viene effettuato un ordine senza un'offerta preventiva o se vengono eseguiti servizi che non erano espressamente inclusi nell'ordine, il contraente può richiedere il compenso che corrisponde al suo listino prezzi o al suo compenso abituale.

4.2. Il contraente ha il diritto di esigere un compenso superiore al prezzo concordato o al prezzo di acquisto se le basi di calcolo esistenti al momento dell'ordine, come i prezzi delle materie prime, il tasso di cambio o i costi del personale, cambiano dopo la conclusione del contratto .

4.3. Tutti i prezzi e le spese non includono l'imposta sulle vendite prevista dalla legge e si intendono franco magazzino. Costi di imballaggio, trasporto, carico e spedizione nonché

Dogana e assicurazione sono a carico del cliente. Gli imballi verranno ritirati solo se espressamente concordato.

4.4. Salvo diverso accordo, la metà del corrispettivo/prezzo di acquisto è dovuta al ricevimento della conferma d'ordine e la restante parte alla consegna o messa a disposizione per il ritiro e al ricevimento della fattura, al netto di spese e trattenute.

4.5. Un pagamento è tempestivo se l'appaltatore può disporne. Gli impegni di pagamento da parte del cliente, come ad esempio sulle ricevute di bonifico, non sono vincolanti.

4.6. In caso di ritardo nel pagamento viene pattuito il 12% annuo. Se l'appaltatore pretende interessi superiori a questi, ha il diritto di esigere anche questo. All'appaltatore dovranno essere rimborsate le spese necessarie e necessarie sostenute in conseguenza del mancato pagamento, quali spese per solleciti, tentativi di incasso, spese di deposito ed eventuali spese legali giudiziali o stragiudiziali.

4.7. I benefici concordati alla conclusione del contratto, quali sconti cassa e abbuoni, sono concessi a condizione che il pagamento sia effettuato integralmente e puntualmente.

4.8. È esclusa la rivendicazione di un diritto di ritenzione e difesa del contratto inadempiuto da parte del cliente in caso di presunti vizi. La compensazione da parte del cliente con contropretese o con presunte pretese di riduzione del prezzo è consentita solo se la pretesa è stata legalmente accertata o non è contestata dal contraente.

4.9. Se il cliente è in arretrato con un obbligo di pagamento contrattuale o di altra natura nei confronti dell'appaltatore, l'appaltatore ha il diritto, fatti salvi altri diritti, di sospendere il suo obbligo di prestazione fino al pagamento da parte del cliente e/o di richiedere una ragionevole proroga del termine il termine di consegna; a rendere esigibili tutti i crediti aperti derivanti da questo o altri negozi giuridici ea ritirare gli oggetti consegnati, senza che ciò esoneri il cliente dal suo obbligo di adempimento. Un recesso dal contratto da parte del contraente è dovuto a queste azioni solo se ciò è stato espressamente dichiarato.

4.10. In caso di deterioramento della situazione finanziaria del cliente, l'appaltatore ha il diritto di rendere immediatamente esigibili il compenso concordato o il prezzo di acquisto e di eseguire l'ordine solo dietro pagamento anticipato.

4.11. Se viene concordato un compenso fatturabile periodicamente, ad esempio per lavori di assistenza o manutenzione, questo è dovuto annualmente all'inizio di un anno civile. Se il contratto inizia o termina durante un anno, tale compenso è dovuto proporzionalmente. Questa tariffa è assicurata in base all'indice dei prezzi al consumo del 1996, con il mese in cui è stato concluso il contratto di assistenza o manutenzione che funge da punto di partenza. Se il CPI 1996 non sarà più pubblicato, sarà sostituito da quello che lo segue o che più si avvicina ad esso. L'Appaltatore ha inoltre il diritto di addebitare una tariffa fatturabile periodicamente dagli elementi elencati al punto 4.2. regolare per i motivi di cui sopra.

4.12. I costi per le indennità di viaggio, giornaliere e notturne vengono fatturati separatamente se la tariffa viene fatturata periodicamente. I tempi di viaggio contano come orario di lavoro.

5. Rischio di perdita e spedizione

5.1. Il rischio passa al committente non appena l'appaltatore ha l'oggetto dell'acquisto/l'opera pronta per il ritiro presso lo stabilimento o il magazzino, indipendentemente dal fatto che la merce sia consegnata dall'appaltatore a un vettore o trasportatore. La spedizione, il carico e lo scarico nonché il trasporto sono sempre a rischio del cliente.

5.2. Il cliente approva qualsiasi metodo di spedizione appropriato. L'assicurazione sul trasporto viene stipulata solo su ordine scritto del cliente.

5.3. Il contraente ha il diritto di far riscuotere dal cliente le spese di imballaggio e spedizione, nonché il pagamento o il prezzo di acquisto in contrassegno, se la situazione finanziaria del cliente si deteriora o viene superato un limite di credito concordato con il contraente.

5.4. Il luogo di adempimento sono i lavori dell'appaltatore.

6. Riserva di proprietà e diritto di ritenzione

6.1. Tutti i beni e prodotti rimangono di proprietà del contraente fino al completo pagamento da parte del cliente, anche se gli articoli da consegnare o fabbricare vengono rivenduti, modificati, trattati o lavorati o mescolati.

6.2. L'oggetto della prestazione/dell'acquisto non può essere dato in pegno, ceduto in garanzia o gravato in altro modo da diritti di terzi fino a quando tutti i crediti dell'appaltatore non siano stati interamente pagati. In caso di pignoramento o di altri reclami, il committente è tenuto a segnalare il diritto di proprietà dell'appaltatore e ad informarne immediatamente l'appaltatore.

6.3. Il cliente cede a titolo oneroso tutti i crediti e i diritti a lui spettanti derivanti dalla rivendita, lavorazione, miscelazione o altro utilizzo della merce e dei prodotti. Fino al pagamento integrale del pagamento o del prezzo di acquisto, il cliente deve annotare questa cessione nei suoi libri contabili e nelle sue fatture e informarne i suoi debitori. Su richiesta, deve fornire all'appaltatore tutti i documenti e le informazioni necessari per far valere i diritti e le pretese cedute.

6.4. Per garantire i propri crediti e per garantire i crediti derivanti da altri negozi giuridici, il contraente ha il diritto di trattenere i prodotti e le merci fino a quando tutti i crediti in sospeso derivanti dal rapporto commerciale non siano stati risolti.

7. Obblighi del Cliente

7.1. In caso di montaggio da parte dell'appaltatore, il committente è tenuto a garantire che i lavori possano iniziare immediatamente dopo l'arrivo del personale di montaggio dell'appaltatore.

7.2. Il cliente è responsabile di garantire che i requisiti tecnici necessari per l'opera da produrre o l'oggetto dell'acquisto siano soddisfatti e che i sistemi tecnici, come linee di alimentazione, cablaggio, reti e simili, siano in condizioni tecnicamente perfette e operative e che sono compatibili con le opere che devono essere prodotte dall'appaltatore o Gli articoli acquistati sono compatibili. L'appaltatore ha il diritto, ma non l'obbligo, di ispezionare questi sistemi pagando una tariffa separata.

7.3. Non vi è alcun obbligo di controllo, avviso o informazione in merito ad eventuali documenti, indicazioni o istruzioni fornite dal committente ed è esclusa ogni responsabilità dell'appaltatore al riguardo.

7.4. L'ordine viene effettuato indipendentemente da eventuali approvazioni e approvazioni ufficiali necessarie che il cliente deve ottenere.

7.5. Il committente non è autorizzato a cedere pretese e diritti derivanti dal rapporto contrattuale senza il consenso scritto del contraente.

8. Garanzia

8.1. Il periodo di garanzia è limitato a sei mesi e decorre dal trasferimento del rischio ai sensi delle presenti Condizioni Generali. Ciò vale anche per gli articoli di consegna e di servizio che sono fissati in modo permanente a un edificio o terreno.

8.2. Una garanzia è esclusa se i sistemi tecnici, come linee di alimentazione, cablaggio, reti e simili non sono in condizioni tecnicamente perfette e funzionanti o non sono compatibili con le opere o gli oggetti di acquisto che devono essere prodotti dall'appaltatore.

8.3. Non sussistono diritti di garanzia per difetti causati da manipolazione impropria o stress eccessivo, se non vengono seguite le istruzioni per l'uso o l'installazione previste dalla legge o quelle fornite dall'appaltatore; se l'oggetto della fornitura è stato creato sulla base delle specifiche del cliente e il difetto è riconducibile a tali specifiche o disegni; in caso di montaggio o messa in servizio errati da parte del cliente o di terzi, usura naturale, danni di trasporto, immagazzinamento improprio, condizioni di funzionamento difettose (ad es. alimentazione elettrica insufficiente), influenze chimiche, elettrochimiche o elettriche, manutenzione necessaria non eseguita, oppure scarsa manutenzione.

8.4. Denunce di difetti e reclami di qualsiasi tipo devono essere segnalati senza indugio per iscritto, indicando le possibili cause, pena la decadenza dei diritti di garanzia. Non saranno prese in considerazione segnalazioni verbali, telefoniche o non immediate di vizi e reclami. Dopo l'esecuzione di un collaudo concordato, sono escluse le lamentele relative a vizi che erano riconoscibili al momento del collaudo.

8.5. Denunce di vizi e reclami devono essere effettuati presso la sede dell'appaltatore, descrivendo il più precisamente possibile l'errore, e il committente deve consegnare i beni o le prestazioni d'opera oggetto del reclamo, purché quest'ultimo sia fattibile.

8.6. L'appaltatore ha il diritto di eseguire o far eseguire qualsiasi ispezione che ritenga necessaria, anche se ciò rende i beni oi pezzi inutilizzabili. Nel caso in cui tale esame riveli che il contraente non è responsabile di eventuali errori, il cliente deve sostenere i costi di tale esame per un importo ragionevole.

8.7. Se gli oggetti della prestazione sono fabbricati sulla base di informazioni, disegni, piani, modelli o altre specifiche del cliente, l'appaltatore garantisce solo che l'esecuzione è conforme alle condizioni.

8.8. Se il cliente apporta modifiche all'oggetto d'acquisto consegnato o lavora senza il previo consenso scritto dell'appaltatore, l'obbligo di garanzia dell'appaltatore decade.

8.9. In caso di rivendicazioni secondarie di garanzia, l'Appaltatore ha il diritto di scegliere di annullare una richiesta di modifica rivendicando una riduzione del prezzo, a condizione che il difetto non sia significativo e non possa essere eliminato.

8.10. Il cliente deve inoltre dimostrare l'esistenza di un difetto al momento della consegna entro i primi sei mesi dalla consegna dell'oggetto/opera.

8.11. Tutti i costi sostenuti in relazione all'eliminazione dei difetti, come il trasporto, l'ingresso e l'uscita, nonché i costi di viaggio, sono a carico del cliente. Su richiesta dell'appaltatore, il cliente deve fornire gratuitamente i lavoratori necessari.

9. Responsabilità e responsabilità del prodotto

9.1. Il contraente è responsabile solo per i danni causati intenzionalmente o per negligenza grave. È esclusa la responsabilità per lieve negligenza. La colpa dell'appaltatore deve essere provata dal cliente.

9.2. In ogni caso è esclusa la responsabilità per danni indiretti, danni consequenziali, lucro cessante, danni patrimoniali, danni dovuti a interruzione dell'attività, perdita di dati, perdita di interessi e danni dovuti a rivendicazioni di terzi nei confronti del cliente.

9.3. Qualsiasi responsabilità del contraente è in ogni caso limitata all'importo del compenso concordato o al prezzo di acquisto per il rispettivo ordine. I contratti rilevati dal contraente sono accettati solo con questa limitazione di responsabilità. È espressamente esclusa ogni ulteriore responsabilità dell'appaltatore. Se il danno complessivo supera il limite massimo, le pretese risarcitorie dei singoli danneggiati sono ridotte proporzionalmente.

9.4. Il committente deve informare immediatamente l'appaltatore di eventuali vizi riscontrati nella merce o nell'opera, pena la decadenza di ogni diritto. In ogni caso, le richieste di risarcimento danni devono essere fatte valere in tribunale entro sei mesi, a pena di decadenza.

9.5. A titolo di risarcimento del danno, il committente può esigere inizialmente solo la miglioria o la sostituzione del bene/opera; solo se entrambi sono impossibili o comportano uno sforzo sproporzionato per l'appaltatore, il cliente può richiedere un risarcimento immediato.

9.6. La responsabilità è generalmente esclusa in caso di mancato rispetto delle condizioni di montaggio, messa in servizio e utilizzo o delle condizioni di approvazione ufficiale. Il cliente è tenuto a garantire che le istruzioni per l'uso della merce o dei lavori consegnati siano rispettate da tutti gli utenti. In particolare, il cliente deve formare e istruire il proprio personale e le altre persone che entrano in contatto con la merce consegnata o lavorano di conseguenza.

9.7. L'obbligo di risarcimento dei danni alla proprietà derivante dalla legge sulla responsabilità del prodotto e le pretese di responsabilità del prodotto che possono derivare da altre disposizioni sono escluse nella misura in cui ciò è legalmente possibile. Il cliente è obbligato a trasferire l'esclusione di responsabilità per rivendicazioni di responsabilità del prodotto a qualsiasi partner contrattuale. È escluso un ricorso del cliente contro l'appaltatore dal reclamo secondo la legge sulla responsabilità del prodotto. Il cliente deve stipulare un'assicurazione adeguata per i reclami di responsabilità del prodotto e indennizzare e tenere indenne il cliente a questo proposito.

10. Risoluzione anticipata del contratto ed errore

10.1. Se una consegna/servizio non è possibile per motivi imputabili al cliente o se un cliente non rispetta un obbligo legale o contrattuale nei confronti del contraente, il contraente ha il diritto di recedere dal contratto. In questo caso, il cliente deve risarcire l'appaltatore per eventuali svantaggi e mancati guadagni.

10.2. Il cliente rinuncia al diritto di contestare/adeguare il presente contratto a causa di un errore.

11. Diritti di proprietà intellettuale

11.1. Il cliente è responsabile di garantire che eventuali informazioni di progettazione, disegni, modelli o altre specifiche consegnate per la produzione non violino i diritti di proprietà di terzi. In caso di violazione dei diritti di proprietà, il cliente dovrà risarcire e tenere indenne l'appaltatore.

11.2. Software, documenti di esecuzione, come piani, schizzi e altri documenti tecnici, nonché campioni, cataloghi, opuscoli, illustrazioni e simili rimangono proprietà intellettuale del contraente e godono della protezione del diritto d'autore. Non è consentita alcuna duplicazione, distribuzione, imitazione, elaborazione o sfruttamento e simili che non siano espressamente concessi.

12.Software

12.1. Se il servizio/articolo di acquisto comprende anche componenti software o programmi per computer, il contraente concede al cliente un diritto d'uso non trasferibile e non esclusivo sul luogo di installazione concordato in conformità con le condizioni contrattuali e i documenti (ad es. istruzioni per l'uso).

12.2. Senza il preventivo consenso scritto del contraente, il committente non ha il diritto - pena l'esclusione di qualsiasi pretesa - di copiare il software, di modificarlo, di renderlo accessibile a terzi o di utilizzarlo per scopi diversi da quelli espressamente convenuti. Questo vale in particolare per il codice sorgente.

12.3. Una garanzia relativa al software esiste solo per la conformità del software alle specifiche concordate al momento della conclusione del contratto, a condizione che il software venga utilizzato in conformità con i requisiti di installazione e le condizioni d'uso applicabili. Il contraente non garantisce che il software sia in perfette condizioni e che funzioni ininterrottamente o senza errori. Non è possibile escludere il verificarsi di errori.

12.4. La selezione e le specifiche del software offerto dal contraente sono effettuate dal cliente, che deve assicurarsi che sia compatibile con le condizioni tecniche in loco. Il cliente è responsabile dell'uso del software e dei risultati conseguiti con esso.

12.5. Per i software da produrre individualmente, le caratteristiche prestazionali, le funzioni speciali, i requisiti hardware e software, i requisiti di installazione, le condizioni di utilizzo e funzionamento risultano esclusivamente dalle specifiche da concordare per iscritto tra le parti contraenti. Il cliente deve fornire le informazioni necessarie per la produzione del singolo software prima della conclusione del contratto.

13. Generale

13.1. Qualora una disposizione delle presenti Condizioni Generali sia o diventi invalida, ciò non pregiudica la validità delle restanti disposizioni. Le disposizioni non valide devono essere chiuse dalle parti contraenti con una disposizione che si avvicini di più alla disposizione non valida ed è consuetudine nel settore.

13.2. Il foro competente per tutte le controversie derivanti dal rapporto contrattuale o da contratti futuri tra l'appaltatore e il cliente è il tribunale locale competente per la sede legale dell'appaltatore. Il contraente ha inoltre il diritto di agire in giudizio presso il foro competente generale del committente.

13.3. Le parti contraenti concordano sull'applicazione del diritto austriaco. L'applicazione della legge sulle vendite delle Nazioni Unite è reciprocamente esclusa.

13.4. Il cliente deve informare immediatamente il contraente per iscritto di qualsiasi modifica del suo nome, azienda, indirizzo, forma giuridica o altre informazioni pertinenti.

A partire dal 1 novembre 2003 - Salvo refusi ed errori

bottom of page